Giovanni Pascoli nello specchio delle sue carte
home » L'archivio » Consulta l'archivio » dettagli scheda
Sono presenti 2 immagini
icona apri versione zoom

successiva »
icona apri versione zoom

successiva »

Titolo attribuito: "A un amico di mio padre": stesure diverse

appunti e note; testi poetici ed epigrafi (manoscritti, bozze, edizioni a stampa), [1892], cc. 2 mss. numerate da 3 a 4; carte sciolte, Tipo di numerazione: cartulazione

Contenuto: Due stesure, di cui una copiata da Maria Pascoli, della poesia "A un amico di mio padre", dedicata a Gaspare Finali.
In calce è posta la firma: “Il figlio che ha udito quella voce. Giovanni Pascoli all’amico del suo povero padre”.
Entrò a far parte delle "Varie" dalla seconda edizione (1914).

Segnatura: G.58.15.2

Gerarchia: Archivio Pascoli » Giovanni Pascoli » Poesie » 58. Poesie varie » 58.15. Aquila e falco A un amico di mio padre I sepolcri A un professore nel giorno anniversario della sua nascita

Autore della scheda: Sara Moscardini
Data ultima revisione: 27/01/2014